Use of trophic resources and forest habitats by the genus Martes in Adamello-Brenta Park (Central Italian Alps)
 
More details
Hide details
1
Museo Tridentino di Scienze Naturali
2
Dipartimento di Biologia Animale, Università di Pavia
3
Albatros Scarl
Publish date: 1995-12-29
 
Hystrix It. J. Mamm. 1995;7(1-2)
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract Habitat use and diet of genus Martes (M. martes and M. foina) were studied in alpine forest habitat (Adamello-Brenta Park, Central Italian Alps) from July 1991 to September 1992. Marten scats were looked for along 3 transects representative of 5 forest habitats in order to analyse seasonal variations in habitat selection. The food habits were studied analysing 225 scats collected along the transects. Both percentage frequency of occurrence and relative percentage frequency (Fr%) of the different food items were calculated. Arthropods (Fr% = 50.0%), mainly insects (Coleoptera and Hymenoptera), were the staple in the diet of martens and were mostly consumed in spring and in summer. The other main food categories were vegetables (Fr% = 25.9%), mainly Rosaceae fruits, with a peak in autumn/winter, and mammals (Fr% = 10.5), especially small rodents, regularly preyed on throughout the year with a peak in winter. Carrion (marmots and ungulates) and partly insects (Orthoptera and Hymenoptera) were a fairly important food resource in the winter and at the beginning of the spring. All year round Martes selected coppice forest and mixed high forest, where presumably a major availability of the main food resources used by both species occurred. Riassunto Uso delle risorse trofiche e degli ambienti forestali da parte del genere Martes nel Parco Adamello-Brenta (Alpi Centrali) - L'uso dell'habitat e la dieta del genere Martes (M. martes e M. foina) sono stati studiati in ambienti forestali del Parco Adamello-Brenta nel periodo luglio 1991-settembre 1992. I1 numero di feci di Martes è stato rilevato in 3 transetti rappresentativi di 5 ambienti forestali, al fine di valutare le variazioni stagionali nell'uso dell'habitat. Le abitudini alimentari sono state investigate mediante analisi di 225 feci raccolte lungo i transetti di campionamento. I dati sulla dieta sono stati espressi come frequenza percentuale e frequenza relativa percentuale (Fr%) delle diverse componenti alimentari rilevate. Gli Artropodi (Fr% = 50,0%), rappresentati principalmente da insetti (Coleotteri e Imenotteri), erano la categoria alimentare dominante ed erano utilizzati soprattutto in primavera e estate. Le altre fonti alimentari più importanti erano i vegetali (Fr% = 25.9%), in particolare frutti di Rosaceae, maggiormente consumati in autunno/inverno, e i mammiferi (Fr% = 10,5%), soprattutto piccoli roditori, predati tutto l'anno e specialmente in inverno. Le carogne (marmotta e ungulati) e in parte gli insetti (Ortotteri e Imenotteri) erano una fonte alimentare non trascurabile in inverno e all'inizio della primavera. Per l'intero arco dell'anno Martes selezionava i boschi cedui a latifoglie e misti di fustaie, dove presumibilmente più abbondanti erano le risorse alimentari maggiormente utilizzate dalle specie.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914