Distribuzione e uso dell'habitat del Lupo (Canis lupus L., 1758) nell'alto Appennino reggiano
Nicola Gilio 1
,  
Claudia Campi 1
,  
Carola Oppio 1
,  
 
 
More details
Hide details
1
Dipartimento di Biologia Animale - Università degli Studi di Pavia
Publish date: 2005-01-31
 
Hystrix It. J. Mamm. 2004;15(2)
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract Distribution and habitat use of the gray wolf (Canis lupus L., 1758) in the upper Apennine (Northern Italy)
In order to define wolf ranges and seasonal difference in habitat use, wolf signs were looked for along 25 transects (271.2 km) from June 1997 to December 2000. The range occupied by wolf population greatly exceeded the boundaries of the study area. The analysis performed to assess wolf habitat selection recorded a significant difference between high prairies and clearing, positively selected, and mixed woods, beech woods and pastures negatively selected. The bivariated and multivariated analysis to study the relationship between wolf abundance and the indipendent variables show that wolf abundance is significantly and positively correlated to abundance of prey species. Riassunto Da giugno del 1997 a dicembre del 2000 è stata condotta una ricerca con lo scopo di acquisire informazioni riguardanti la distribuzione e l'utilizzo dell'habitat da parte della popolazione di lupo (Canis lupus L., 1758) gravitante sul territorio del Parco Regionale dell'Alto Appennino Reggiano. Per definire la distribuzione della specie nel territorio del Parco e nelle aree adiacenti, è stata individuata una rete di 25 transetti (271,2 km). Durante gli anni di studio la popolazione di lupo ha occupato aree abbondantemente eccedenti i confini dell'area protetta, soprattutto nel versante toscano. L'analisi della modalità di utilizzo dei diversi tipi di habitat ha rilevato l'esistenza di marcate variazioni nella selezione dell'habitat nei diversi anni e stagioni. L'analisi sulla frequentazione dei tipi di habitat in generale ha evidenziato un sovrautilizzo delle praterie sommitali e delle radure ed un sottoutilizzo dei boschi misti di latifoglie, delle faggete e dei prato-pascoli. I risultati delle analisi bivariate e multivariate tra l'indice di abbondanza del lupo e le altre variabili indipendenti mostrano che la presenza del lupo è influenzata principalmente dalla presenza e dall'abbondanza delle sue prede e che i diversi tipi di vegetazione non sembrano condizionare in maniera rilevante la distribuzione del predatore sul territorio.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914