Damage caused by Skrjabingylus nasicola (Leuckart, 1842), Metastrongylidae, to weasels (Mustela nivalis L.) in North-Western Italy
Claudio Prigioni 1  
,  
 
 
More details
Hide details
1
Dipartimento di Biologia Animale, Università di Pavia
Publish date: 1995-12-29
 
Hystrix It. J. Mamm. 1995;7(1-2)
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract The percentage of infestation (incidence) and the degree of damage caused by Skrjabingylus nasicola were analysed in 15 fresh skulls of weasels (Mustela nivalis) collected in Pavia province (Northern Italy) during 1986-89 and in 79 preserved skulls from the Civic Museum of Natural History of Genoa (Liguria region). The incidence was 66.6% for the first sample of weasels and 54.4% for the second one; the mean degree of damage, assessed according King's methods, was 3.7 and 2.6 respectively. Although no significant difference in Skrjabingylus prevalence was recorded in relation to sex and age of weasels, a trend of increase in parasite incidence was observed from young to adults in the sample of weasels from the Museum of Genoa. Apodemus sylvaticus, which was the staple in the diet of weasels collected in Pavia province, could be considered the main paratenic host of the skrjabingylosis in northern Italian plain. Riassunto Danni causati da Skrjabingylus nasicola (Leuckart, 1942), Metastrongylidae, nella donnola Mustela nivalis in Italia nord occidentale - La percentuale di infestazione (incidenza) e l'entità del danno causato da Skrjabingylus nasicola sono state analizzate in 15 donnole (Mustela nivalis) reperite in aree coltivate della Provincia di Pavia nel 1986-89 e in 79 esemplari appartenenti alla collezione del Museo Civico di Storia Naturale di Genova. L'incidenza dell'infestazione è risultata del 66,6% per il primo campione e del 54,4% per il secondo, mentre l'entità media del danno, valutata secondo il metodo proposto da King, è stata di 3,7 e 2,6 rispettivamente. Sebbene non sia stata rilevata nessuna differenza signiticativa della prevalenza parassitaria in relazione al sesso ed all'età delle donnole, è stata evidenziata, per il campione del Museo di Genova, una tendenza all'incremento dell'incidenza dai soggetti giovani a quelli adulti. Il topo selvatico (Apodemus sylvaticus), che rappresenta la preda più consumata dalla donnola in aree coltivate della Provincia di Pavia, potrebbe essere considerato il principale ospite paratenico della skrjabingylosi nella Pianura Padana.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914