A review of the Dormouse (Muscardinus avellanarius) in England and a Conservation Programme to safeguard its future
Paul Bright 1  
,   Pat Morris 2
 
More details
Hide details
1
Department of Zoology, University of Bristol
2
Department of Biology, Royal Holloway College, University of London
Publication date: 1995-05-20
 
Hystrix It. J. Mamm. 1994;6(1-2)
 
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract The dormouse is native to Britain, but has apparently suffered decline in both distribution and numbers over the past 100 years. Basic ecological data have been lacking, hindering understanding of the decline and preventing implementation of scientifically based conservation measures. Recent studies are reviewed which reveal that this species is a specialist arboreal feeder, critically dependent for food upon a sequence of flowers and fruits during the summer. Woodland management (or lack of it) and habitat fragmentation have resulted in habitats becoming sub-optimal, leading to piecemeal local extinctions. In addition, it is likely that the highly unpredictable maritime climate found in Britain results in very variable annual recruitment rates, increasing the vulnerability of small populations in fragmented habitats. With better understanding of the ecology of this species, a conservation strategy is being implemented. This aims to defend dormouse populations where they still occur and to attempt reintroductions to areas from which they have been lost. Riassunto Una revisione del Moscardino (Muscardinus avellanarius) in Inghilterra e un programma di conservazione per salvaguardure il suo futuro - Il Moscardino è nativo della Gran Bretagna, ma ha subito una evidente riduzione nella distribuzione e nel numero di individui negli ultimi 100 anni. La mancanza di dati ecologici di base ha impedito la comprensione di tale declino e ostacolato la messa a punto di metodi scientifici di conservazione. Recenti studi hanno rivelato che questa specie è specialista arborea, dipendente per il cibo da una successione di fiori e frutti durante l'estate. La gestione dei boschi (o la sua mancanza) e la frammentazione dell'habitat hanno portato ad ambienti subottimali ed a frammentarie estinzioni locali. Inoltre, è probabile che il clima marittimo altamente imprevedibile in Gran Bretagna porti a tassi annuali variabili di reclutamento, aumentando la vulnerabilità di piccole popolazioni in ambienti frammentati. Con una migliore comprensione dell'ecologia di questa specie è stato possibile mettere a punto una strategia di conservazione, il cui scopo è quello di difendere le popolazioni di Moscardino dove sono presenti e di tentare reintroduzioni in aree da cui sono scomparsi.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914