Epidemiological evolution of Trichinellosis in the foxes (Vulpes vulpes) of Lombardy (Northern Italy) / Evoluzione epidemiologica della Trichinellosi nella Volpe (Vulpes vulpes) in Lombardia
 
More details
Hide details
1
Cattedra di Parassitologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Pavia
Publish date: 1991-07-09
 
Hystrix It. J. Mamm. 1991;3(1)
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract With the investigations begun in the 1950s to explain the origin of human Trichinella infections in Italy, a study was undertaken on this topic in Lombardy region. The absence of a Trichinella Rattencyclus was ascertained in the 1950s, whereas the fox was identified as responsible for a vigorous wild cycle. In Lombardy, 34% of 186 foxes submitted to trichinelloscopic examination were found to be positive. This study, resumed up in 1986 in Lombardy region, shows the persistence of this cycle, with a drastic decrease in prevalence (4.2% of 190 foxes examined). In Lombardy Trichinella spiralis sensu stricto appears to be absent: we isolated from foxes killed in Valtellina (Bormio and Chiesa Val Malenco) 2 strains which on an isoenzimatic base must be included in what is temporarily (operatively) defined as Trichinella type 3. We discuss some hypotheses regarding the possible causes of the decrease in prevalence of this infection in the fox. Riassunto Nel quadro delle indagini fiorite negli anni '50 per chiarire l'origine delle infestazioni umane da Trichinella nel nostro Paese, in Lombardia iniziò un sistematico studio sull'argomento che constatò l'assenza di un Rattencyclus di Trichinella, mentre identificò la Volpe come responsabile di un robusto ciclo silvestre (il 34% di 186 volpi esaminate risultò positivo). La presente ricerca, avviata nel 1986 in Lombardia, mostra la persistenza di tale ciclo, con una notevole diminuzione della prevalenza (4,2% su 190 volpi esaminate). Trichinella spiralis sensu stricto sembra essere assente in Lombardia; da volpi abbattute in Valtellina (Bormio e Chiesa Val Malenco) sono stati isolati 2 ceppi che, su base isoenzimatica, sono stati assegnati a quella che viene provvisoriamente (operativamente) definita Trichinella tipo 3. Alcune ipotesi sul calo della prevalenza dell'infestazione nella Volpe sono discusse.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914