Angiostrongylus vasorum in red foxes (Vulpes vulpes) and badgers (Meles meles) from Central and Northern Italy
 
More details
Hide details
1
Dipartimento di Patologia Animale, Profilassi ed Igiene degli Alimenti, Università degli Studi di Pisa, Viale delle Piagge 2, 56
2
Scuola Normale Superiore di Pisa, Piazza dei Cavalieri 7, 56126 Pisa, Italy
3
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle D'Aosta, Sezione di Imperia, via Nizza 4, 18100, Imperia, Italy
Publish date: 2010-06-18
 
Hystrix It. J. Mamm. 2009;20(2)
KEYWORDS
ABSTRACT
Abstract During 2004-2005 and 2007-2008, 189 foxes (Vulpes vulpes) and 6 badgers (Meles meles) were collected in different areas of Central Northern Italy (Piedmont, Liguria and Tuscany) and examined for Angiostrongylus vasorum infection. The prevalence of the infection was significantly different in the areas considered, with the highest values in the district of Imperia (80%, Liguria) and in Montezemolo (70%, southern Piedmont); the prevalence in Tuscany was 7%. One badger collected in the area of Imperia turned out to be infected, representing the first report of the parasite in this species in Italy. Further studies are needed to evaluate the role played by fox populations as reservoirs of infection and the probability of its spreading to domestic dogs.
Riassunto Angiostrongylus vasorum nella volpe (Vulpes vulpes) e nel tasso (Meles meles) in Italia centro-settentrionale. Nel 2004-2005 e 2007-2008, 189 volpi (Vulpes vulpes) e 6 tassi (Meles meles) provenienti da differenti aree dell'Italia settentrionale e centrale (Piemonte, Liguria Toscana), sono stati esaminati per la ricerca di Angiostrongylus vasorum. La prevalenza del nematode è risultata significativamente diversa nelle varie zone, con valori elevati nelle zone di Imperia (80%) e di Montezemolo (70%, provincia di Cuneo); la prevalenza in Toscana è risultata del 7%. Un tasso proveniente dall'area di Imperia è risultato positivo per A. vasorum; questa è la prima segnalazione del parassita in tale specie in Italia. Ulteriori studi sono necessari per valutare il potenziale della volpe come serbatoio e la possibilità di diffusione della parassitosi ai cani domestici.

doi:10.4404/hystrix-20.2-4442
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914