Micromammiferi dei piani carsici di Colfiorito (Perugia - Macerata)
A. Gaggi  
,  
 
 
More details
Hide details
1
Provincia di Perugia - Servizio Programmazione e Gestione Faunistica
Publish date: 2003-10-31
 
Hystrix It. J. Mamm. 2003;14(IV ATIt Congress Supplement)
ABSTRACT
È stata condotta la prima indagine qualitativa sulla microteriofauna del Parco Regionale di Colfiorito (PG) e dell?intero sistema dei piani carsici, che si sviluppano tra 750 e 800 m. s.l.m. sullo spartiacque appenninico umbro-marchigiano centro- meridionale. L?area di studio si estende per 5651,27 ha con un?escursione altitudinale da 750 a 1440 m s.l.m., interessando la palude omonima e alcuni territori limitrofi. Si è indagato nelle seguenti categorie ambientali: palude (fascia esterna), prato umido e torbiera, pascolo, bosco di latifoglie e zone antropizzate. Tra giugno 2000 e maggio 2001 sono state effettuate 16 uscite (4 per stagione), utilizzando i seguenti metodi: a) trappolamento incruento, con trappole ed esche di vario tipo e successivo rilascio dei selvatici catturati, per 616 notti trappola, 38 catture, 6 specie: Clethrionomys glareolus, Microtus savii, Apodemus flavicollis, A. sylvaticus, Rattus norvegicus e Mus domesticus; b) raccolta di boli. La mancata reperibilità di siti di Barbagianni Tyto alba e di Allocco Strix aluco ha portato a recuperare ed analizzare 65 borre di Albanella reale Circus cyaneus e 13 di Albanella minore C. pygargus, con il contenuto di microroditori rispettivamente del 77,3% e del 10%. In entrambe le diete è apparsa interessante la presenza di crani riferibili a Microtus cfr. subterraneus. Il metodo ha fornito, contemporaneamente, nuove informazioni sull?alimentazione di queste albanelle in Italia; c) ricerca di resti di pasto, nidi e tane, impronte, carcasse. Ha accertato le specie Erinaceus europaeus e Sciurus vulgaris oltre al genere Talpa; d) ricerca bibliografica, museografica e fotografica. Ha accertato Sorex minutus, S. samniticus, Neomys fodiens, Glis glis, Muscardinus avellanarius e Eliomys quercinus; e) collaborazione degli abitanti del luogo. Ha accertato Crocidura leucodon e Rattus rattus e permesso di realizzare una piccola collezione di pelli e/o crani con 43 esemplari di 8 specie trovati morti o derattizzati, conservati preventivamente in alcool; f) raccolta di notizie da aree limitrofe, per mezzo di carcasse o da boli di Strigiformi. Ha permesso di ampliare, con Suncus etruscus e Crocidura suaveolens, l?elenco atteso per l?area di studio. La ricerca ha attestato 6 specie di Insettivori (con Talpa sp. ancora da definire sistematicamente) e 11 di microroditori, vale a dire oltre il 60% della microteriofauna oggi nota in Italia centrale. Assieme al quadro preliminare sulla composizione qualitativa della comunità a micromammiferi, si sono ottenuti dati riguardanti: 1) tecniche e risultati di trappolamento, 2) risorse trofiche inedite di alcuni predatori, 3) preferenze ecologiche e rapporti interspecifici, 4) indici biometrici, 5) possibile presenza di altre specie su cui indagare in futuro.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914