L'ibernazione del Ghiro Glis glis (L. 1766) (Rodentia, Gliridae) in ambienti montani della Calabria analizzata mediante i resti alimentari
P.C. Rima 1  
,  
 
 
More details
Hide details
1
Dipartimento di Ecologia, Università della Calabria
Publish date: 2003-10-31
 
Hystrix It. J. Mamm. 2003;14(IV ATIt Congress Supplement)
ABSTRACT
Il periodo di letargia del Ghiro Glis glis (L. 1766) dura più o meno a lungo (da agosto- ottobre a marzo-maggio) dipendentemente dalla latitudine. Da uno studio sulle tecniche di apertura dei coni di varie specie di Pinus spp. da parte di Roditori, è emersa la possibilità di riconoscere in maniera inequivocabile quelli consumati da Ghiro. Pertanto, è stato possibile verificare il periodo di attività della specie in tre aree montane della Calabria: Pollino, Catena Costiera e Sila. Raccolte mensili dei resti di pigne sono state effettuate in aree campione di 2 x100 m negli anni 1999-2003. Nel Pollino, nelle stazioni al di sopra dei 1000 m di quota sono stati ritrovati sempre pochi resti alimentari e mai nei mesi da febbraio ad aprile-maggio. Al contrario, al disotto di tale quota i resti sono stati costantemente abbondanti e raccolti in tutti i mesi dell?anno. Nella Catena Costiera in tutti i siti sono stati raccolti resti alimentari in tutti i mesi dell?anno, indipendentemente dalla quota. Interessante è l?andamento del consumo di pigne che è massimo nei mesi autunnali e invernali, forse per la minore disponibilità in questi mesi di altri alimenti. Nel sito di campionamento in Sila, è stato verificato un consumo di pigne sempre molto basso, ma in ogni caso si può osservare un periodo di molti mesi, che va, nei due anni di campionamento, da settembre-novembre a febbraio-marzo, in cui non si rinvengono resti. L?assenza di resti alimentari, che corrisponde verosimilmente al periodo di letargia, in Calabria sembra essere influenzato dalla temperatura. Infatti, nel periodo di campionamento, non si è osservata inattività invernale nelle aree con temperature medie del mese più freddo superiori a 3° C.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914