Fattori influenzanti la distribuzione del Daino (Dama dama) in un'area dell'Appennino settentrionale
Enrico Merli 1
,  
 
 
More details
Hide details
1
Dipartimento di Biologia Animale, Università di Pavia
Publish date: 2003-10-31
 
Hystrix It. J. Mamm. 2003;14(1-2)
KEYWORDS:
ABSTRACT:
Abstract Factors affecting the distribution of fallow deer (Dama dama) in an area of the northern Apennines (Italy) A wild population of fallow deer (Dama dama), originated in the Seventies from accidental release, has been monitored from 1996 to 2000 in the hilly and mountainous habitat of the Pavia county (Northern Apennines). Sightings and signs of presence on 34 transects (total length of 163.2 km) were collected twice a year in spring. The distribution of the species in the study area (732 km²) was defined on the basis of a grid of 215 4-km² sample units. The species occupied the 28% and 22% of the study area respectively in 1997 and 2000. The relative abundance of the population, estimated as mean of sightings-signs/km varied from 0.50 (S.E. = 0.27) in 1997 to 0.03 (S.E. = 0.03) in 1998. Discriminant Function and Logistic Regression Analysis were performed to investigate the influence of 23 habitat variables on the distribution of fallow deers in 1997. Both statistical techniques identified the length of the edge between woods and crops as the main variable affecting fallow deer distribution. The analysis also pointed out that the area potentially suitable for the species raised up to 388 km² (53.0% of the study area). Riassunto Una popolazione di Daino presente nella zona collinare e montana della provincia di Pavia (732 km²), originatasi da una fuga di animali da un allevamento negli anni 70, è stata monitorata dal 1996 al 2000. Per la definizione della distribuzione è stato predisposto un sistema di 34 transetti (163,2 km in totale) percorsi 2 volte l'anno, in primavera, annotando e mappando tutti i segni di presenza e le osservazioni dirette della specie. L'area di studio è quindi stata suddivisa in maglie quadrate di 400 ha ciascuna (Unità di Campionamento), a cui è stata associata, per ogni anno la presenza o l'assenza della specie. La superficie interessata dalla presenza del Daino è risultata diversa tra il 1997, quando interessava il 28% dell'area di studio, e il 2000, quando era diminuita al 22% (Χ = 3,94 g.l.= 1 P = 0,048). Per valutare l'effetto delle caratteristiche vegetazionali sulla distribuzione sono state effettuate analisi ambientali delle Unità di Campionamento mediante software GIS ed archivi cartografici digitalizzati. I risultati delle analisi ambientali sono stati posti in relazione alla presenza-assenza della specie mediante Analisi di Funzione Discriminante e Analisi di Regressione Logistica. Entrambe le analisi hanno messo in luce l'effetto positivo sulla presenza del Daino dello sviluppo dei margini tra bosco e spazi aperti coltivati. Il modello ottenuto dall'Analisi di Funzione Discriminante ha inoltre individuato un areale potenziale nell'area di studio pari a 388 km², corrispondenti al 53% dell'estensione.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914