Site fidelity of male roe deer in a Mediterranean fragmented area
 
More details
Hide details
1
Department of Environmental Sciences, Sect. of Behavioural Ecology, Animal Behaviour and Wildlife Management, University of Siena
Publish date: 2004-06-30
 
Hystrix It. J. Mamm. 2004;15(1)
KEYWORDS:
ABSTRACT:
Abstract We present data on site fidelity based on 7 adult male roe deer Capreolus capreolus (L.), which were studied for two years (March 1999-February 2001) by radiotelemetry. The median site fidelity of roe deer between year 1999-2000 and 2000-2001 was 63%. Throughout the year 2000, the analysis of distance between core areas (50% kernel) centres revealed 2 tactics of habitat use by adult males: "annually site-faithful" males, who occupied the same home range over the year and "seasonally site-faithful" males, who moved to a different area during the cold months. Being resident throughout the year could privilege territory holders, already present at the beginning of the territorial season in respect to late-coming males. This supports the view of the "always stay" territorial behaviour, as a "low risk-low gain" strategy maximizing high survival and long tenure. Riassunto Fedeltà al territorio dei maschi di capriolo in un'area mediterranea frammentata Sette maschi adulti di capriolo Capreolus capreolus L. sono stati seguiti per due anni, dal Marzo 1999 al Febbraio 2001, con metodi radiotelemetrici. La sovrapposizione mediana degli home range (fedeltà), fra il 1999-2000 e il 2000-2001, è risultata del 63%. Nel corso del 2000, l'analisi della distanza fra core area (50% kernel) ha rivelato due tattiche di uso dell'habitat: "maschi fedeli annualmente", che hanno occupato lo stesso home range durante tutto l'anno, e "maschi fedeli stagionalmente", che si sono spostati in un'area diversa durante i mesi freddi. Essere residente per tutto l'anno potrebbe risultare vantaggioso per i maschi che si trovino già sul posto all'inizio della stagione territoriale, rispetto a maschi che abbiano trascorso l'inverno altrove. Questi risultati concordano con la teoria che i caprioli adottino un comportamento territoriale "permanente", come parte di una strategia a "basso rischio e basso guadagno", volta a ottimizzare la sopravvivenza e la durata della vita riproduttiva.
eISSN:1825-5272
ISSN:0394-1914